STUDIO HR | ricerca innovazione sviluppo organizzativo

From the blog

News

DIALOGARE CON LE NOSTRE VOCI INTERNE: UN PERCORSO PERSONALE

DIALOGARE CON LE NOSTRE VOCI INTERNE: UN PERCORSO PERSONALE E AZIENDALE.

Dialogo delle voci

Voci interne…Dentro ogni persona vivono molte persone: i differenti IO che sono in noi. Psychoadvisor

Vi è mai capitato di agire senza pensare…di lasciarvi trasportare dall’impulso, scoprendo una parte di voi che non sapevate neppure esistere? Nessuno vi ha mai detto sembri un’altra persona? Vi è mai successo di pensare: “non immaginavo di avere certe doti…. oppure “non immaginavo di reagire in questo modo“; magari la tipica frase “Mi si sono chiusi gli occhi e non ho capito più niente”.

Di solito pensiamo a noi come a un’entità unica ma la verità è che in base alle circostanze, tendiamo ad assumere diverse personalità (inteso come Io diverso); siamo il bambino che cerca conforto, ma anche il genitore che si prende cura dei suoi figli, l’innamorato che sta vivendo una storia magari tormentata con il partner e il collega sul lavoro. In tutti questi diversi ambienti, non solo ci comportiamo in modo diverso, ma ci sentiamo anche diversi.

Infatti, la “Teoria degli Io” postula che la nostra personalità sia frammentata, composta da una molteplicità di “Io” che prendono l’iniziativa di volta in volta, quando necessario, per proteggerci dai pericoli, per garantire la nostra sopravvivenza e renderci meno vulnerabili.

Come si sviluppano questi “Io” diversi?

Il bambino nasce con una costituzione unica, una qualità denominata “impronta psichica”. Infatti, molte madri si rendono conto che i fratelli sono diversi a partire dal ventre materno, alcuni si muovono di più e rispondono agli stimoli mentre altri sono più rilassati e pigri. Ma insieme all’impronta psichica, il bambino ha anche il potenziale per sviluppare una varietà di modelli d’energia, o “Io”, la cui combinazione darà luogo alla personalità.

Le sotto-personalità che ci definiscono come persona

Questo “Io” esamina costantemente il nostro ambiente per determinare quale dei nostri comportamenti piacerà alla maggior parte delle persone. Sotto la sua guida, i comportamenti più semplici e più naturali, come ridere, perdono la loro spontaneità e diventano reazioni automatiche agli stimoli ambientali. Diventiamo meno autentici, perché il nostro controllore/protettore sta continuamente monitorando e valutando le presunte minacce. (…)

 

Privacy Policy